Home
Network ALL-IN
Explora
Rubriche
Strumenti
Fonti
19 gennaio 2022
Visto di conformità sulle cessioni di crediti edilizi: il software non recepisce le eccezioni

Gli operatori stanno riscontrando in questi giorni ancora problematiche nell'inserimento di comunicazioni di opzione di cessione del credito e sconto in fattura relativamente ai bonus edilizi.
La procedura infatti non permette di trasmettere comunicazioni (in cui la cessione si sia perfezionata dal 12 novembre scorso) senza che sia compilata la sezione dedicata al visto di conformità. Si ricorda che, la Legge di Bilancio 2022, recependo l'obbligo di acquisire un visto di conformità in caso di cessione/sconto di bonus edilizi introdotto dal D.L. n. 157/2021, ha tuttavia previsto una deroga nel caso di spese:

  • relative ad interventi eseguiti in "opere libere";
  • per un ammontare fino a € 10.000,

a meno che non si tratti di spese effettuate nell'ambito del cd. "bonus facciate", per le quali il visto è sempre richiesto.
Tale blocco operativo potrebbe far supporre che la deroga all'obbligo di visto operi con riferimento alle spese sostenute nel 2022 e non anche in merito alle comunicazioni inviate dal 1° gennaio 2022 con riferimento a spese 2021. Si dovrà dunque attendere un chiarimento da parte dell'Agenzia delle Entrate.